La lezione delle “Blue Zones”

La settimana scorsa sono stato invitato dall’Università della Terza Età di Portogruaro a tenere un incontro sugli sani stili di vita, visti i miei studi ed il mio interesse verso questo campo.
 
Ho scelto così di presentare una relazione sulle “Zone Blu”, ovvero le zone del pianeta in cui vi è il più alto tasso di centenari in buona salute.
 
In molti mi hanno chiesto di avere un breve riassunto di questa presentazione e così ho pensato di riportare nel blog della farmacia una pagina tratta dal sito internet www.bluezones.com che descrive le principali abitudini comuni dei centenari delle Zone Blu.
 
Dan Buettner, giornalista scientifico, insieme ad un equipe di studiosi finanziati dal National Geographic hanno infatti trovato cinque posti che hanno soddisfatto i criteri di luoghi con la più alta aspettativa di vita o con le percentuali più elevate di persone che raggiungevano i 100 anni:
 
  • La regione della Barbagia in Sardegna
Gli altipiani montuosi della Sardegna interna con la più alta concentrazione al mondo di centenari maschi.
 
  • Ikaria, Grecia.
Un’isola dell’Egeo con uno dei più bassi tassi di mortalità di mezza età al mondo e il più basso tasso di demenza.
 
  • Penisola di Nicoya, Costa Rica.
Zona con i tassi più bassi del mondo di mortalità di mezza età, la seconda più alta concentrazione di centenari maschi.
 
  • Loma Linda, California.
Una comunità di Avventisti del settimo giorno che vivono 10 anni in più rispetto alle loro controparti nordamericane.
 
  • Okinawa, Giappone.
Con la popolazione femminile sopra i 70 anni più longeva al mondo.
 

LE POWER NINE

 
Il team di Buettner ha quindi investigato quali fossero i denominatori comuni basati sull’evidenza scientifica tra tutti i luoghi visitati.
Ne hanno individuati nove che possiamo definire le nove regole per la longevità: 
 

1. Muoviti naturalmente.

Le persone più longeve del mondo non fanno muscoli in palestra e non fanno maratone.

Al contrario, vivono in ambienti che li spingono costantemente a muoversi senza nemmeno pensarci. Coltivano orti e non hanno comodità tecnologiche per i lavori domestici e di giardinaggio. 

2. Trova il tuo scopo

Gli abitanti di Okinawa lo chiamano “Ikigai” e i Nicoyani lo chiamano “plan de vida;” per entrambi si traduce in “perché mi sveglio la mattina”. Conoscere il proprio scopo di vita vale fino a sette anni di aspettativa di vita extra

3. Rallenta i ritmi

Anche le persone nelle Zone Blu provano stress. Lo stress porta ad un’infiammazione cronica, associata a tutte le principali malattie legate all’età. Le persone più longeve del mondo hanno tuttavia imparato alcune buone abitudini per liberarsi di questo stress. Gli abitanti di Okinawa prendono ogni giorno qualche minuto per ricordare i loro antenati, gli avventisti pregano, gli ikariani fanno un pisolino ei sardi fanno l’happy hour.

4. Usa le regola dell’80%

“Hara hachi bu” – è una frase rituale della popolazione di Okinawa, un vecchio mantra confuciano di 2500 anni che viene pronunciato prima dei pasti per ricordarsi di smettere di mangiare quando lo stomaco è pieno all’80 per cento. Il divario del 20% tra non essere affamati e sentirsi pieno potrebbe fare la differenza tra perdere peso o guadagnarlo. Le persone nelle Blue Zones mangiano il loro pasto meno abbondante nel tardo pomeriggio o prima serata e non mangiano fuoripasto durante il resto della giornata.

5. Prediligi le piante

I legumi, tra cui le fave, i fagioli, la soia e le lenticchie, sono il fondamento delle diete dei centenari. La carne, principalmente di maiale, viene consumata in media solo cinque volte al mese. Le dimensioni delle porzioni della carne sono di circa 80-100 granmi, quanto circa le dimensioni di un mazzo di carte.

6. Vino alle 5

Le persone in tutte le zone blu (eccetto gli avventisti) bevono alcol moderatamente e regolarmente. I bevitori moderati sopravvivono ai non bevitori. Il segreto è bere 1-2 bicchieri al giorno (preferibilmente un vino ricco di polifenoli, come il Cannonau sardo), con gli amici e/o pasteggiando con il cibo. 

E no, non puoi trattenerti tutta la settimana e avere 14 drink solo al sabato 🙂

7. Abbi fede

Tutti tranne cinque dei 263 centenari che abbiamo intervistato appartenevano ad una comunità basata sulla fede. 
Non è importante in cosa credi.  La ricerca mostra che frequentare le funzioni religiose quattro volte al mese può aggiungere dai 4 ai 14 anni di aspettativa di vita.

8. La famiglia innanzitutto

I centenari nelle Blue Zones mettono al primo posto le loro famiglie. Ciò significa mantenere i genitori e i nonni che stanno invecchiando nelle vicinanze o in casa (riduce anche il tasso di malattie e mortalità dei bambini in casa). Si impegnano con un compagno di vita (che può aggiungere fino a 3 anni di aspettativa di vita) e investono tempo e amore nei loro figli (che saranno più propensi a prendersi cura di loro quando arriverà il momento).

9. Scegli le persone giuste

Le persone più longeve del mondo hanno scelto – o sono nate – in circoli sociali che sostenevano comportamenti sani.

Gli abitanti di Okinawa hanno creato i “moai”, gruppi di cinque amici che si sono impegnati a sorreggersi e frequentarsi a vicenda per tutta la vita. La ricerca degli studi di Framingham mostra che il fumo, l’obesità, la felicità e persino la solitudine sono contagiosi. Quindi le strutture sociali di persone longeve hanno modellato favorevolmente i loro comportamenti di salute.

 

Per invecchiare bene fino a cento anni, devi indubbiamente aver vinto la lotteria genetica. 

Ma la maggior parte di noi ha la capacità di arrivare “naturalmente” fino a 90 anni e in gran parte senza malattie croniche se nella sua vita riesce a mantenere uno stile di vita sano e buone abitudini alimentari. 

Come dimostrano gli Avventisti di Loma Linda, l’aspettativa di vita della persona media potrebbe aumentare di 10-12 anni adottando uno stile di vita tipico delle Zone Blu del pianeta.

 

Tratto e tradotto da “Power 9” dal dott. Francesco Fratto